Il divorzio UE-Astrazeneca arriva in tribunale

L’Europa chiede alla casa farmaceutica 10 € a dose per ogni giorno di ritardo e maximulta di 10 milioni per violazione del contratto

L’Unione Europea ha chiesto al tribunale di Bruxelles di imporre una maxi multa ad AstraZeneca per i suoi ritardi nella consegna dei vaccini anti Covid. Secondo Reuters, i legali dei Paesi membri che hanno presentato la richiesta dichiarano che l’UE punta ad ottenere 10 euro a dose per ogni giorno di ritardo oltre ad una multa da 10 milioni di euro per AstraZeneca per ogni violazione del contratto che il giudice riuscirà ad accertare. Il verdetto è atteso il mese prossimo.

AstraZeneca ha commesso una “manifesta violazione” del contratto per la consegna dei vaccini anti-Covid agli Stati membri della Ue, con “50 milioni di dosi” che dallo stabilimento olandese Halix a Leida “sono state dirottate verso Paesi terzi”. È questa l’accusa mossa all’azienda farmaceutica anglo-svedese dall’avvocato Me Rafaël Jeffareli, che difende gli interessi dei Paesi membri e della Commissione Ue nella battaglia legale che ha preso il via questa mattina davanti alla giustizia di primo grado belga.

TORNA SU