“Green pass” Covid-19 subito dopo la prima dose del vaccino e validità per 9 mesi

La “certificazione verde Covid-19” è valida dal 15° giorno dopo la prima dose di vaccino per i nove mesi successivi la data del completamento del ciclo vaccinale.

Lo prevede il DECRETO-LEGGE 18 maggio 2021, n. 65 pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale.

Nell’articolo 14 “Disposizioni in materia di rilascio e validità delle certificazioni verdi COVID-19” il decreto dispone che “la certificazione comprovante lo stato di avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2” abbia “validità di nove mesi dalla data del completamento del ciclo vaccinale” e, inoltre, che sia rilasciata “anche contestualmente alla somministrazione della prima dose di vaccino” e sia valida “dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale“.

Oltre alla certificazione vaccinale valgono come Green Pass pure il certificato di guarigione dall’infezione da  SARS-CoV-2 (con validità di sei mesi a far data dall’avvenuta  guarigione) e il risultato di un test molecolare o  antigenico  rapido con risultato negativo al virus SARS-CoV-2 valido per 48 ore come previsto dal articolo 9 del decreto legge n. 52 del 22 aprile 2021.

TORNA SU